Filetto di Manzo in Padella al Burro

L’articolo Filetto di Manzo in Padella al Burro presenta una ricetta semplice e gustosa per preparare un filetto di manzo in padella, ottenendo una carne tenera e succosa. Il burro conferisce alla carne un sapore delicato e una texture morbida, mentre la cottura in padella garantisce una crosticina dorata e croccante all’esterno e una consistenza perfettamente rosata all’interno. La ricetta è facile da seguire e adatta anche ai meno esperti in cucina.

Ingredienti

Preparazione

  1. Togliere il filetto dal frigorifero almeno un’ora prima della cottura per farlo raggiungere la temperatura ambiente.
  2. In una padella antiaderente, sciogliere il burro a fuoco medio-basso.
  3. Aggiungere gli spicchi di aglio sbucciati e i rametti di rosmarino nella padella e farli dorare per 1-2 minuti.
  4. Aggiungere il filetto di manzo nella padella e cuocerlo a fuoco medio-alto per circa 3-4 minuti per lato, o fino a quando si forma una crosticina dorata su entrambi i lati.
  5. Ridurre la fiamma a medio-bassa e continuare a cuocere il filetto, girandolo di tanto in tanto, fino al raggiungimento della cottura desiderata.
  6. Quando il filetto è cotto, rimuoverlo dalla padella e farlo riposare per 5-10 minuti prima di tagliarlo a fette.
  7. Aggiungere sale e pepe nero macinato fresco, se necessario, e servire caldo con gli aromi e il burro dalla padella sopra ogni fetta di filetto.

Filetto di Manzo in Padella al Burro

Come verificare se un arrosto è cotto

Quando si cucina un arrosto, uno dei problemi più comuni è capire se la carne è cotta al punto giusto. Per evitare di avere una carne troppo cruda o troppo cotta, è importante conoscere alcuni consigli degli esperti per verificare se l’arrosto è cotto in modo corretto. Ecco alcuni suggerimenti utili:

  1. Usare un termometro da cucina: Un termometro da cucina è uno strumento indispensabile per verificare la temperatura interna della carne. Il punto di cottura dell’arrosto dipende dalla temperatura interna, quindi con un termometro da cucina si può facilmente controllare quando l’arrosto è pronto.
  2. Verificare il colore: Il colore della carne è un altro segnale importante per verificare se l’arrosto è cotto. Se la carne è rosa al centro, è ancora cruda. Se è marrone o grigiastra, è troppo cotta.
  3. Fare la prova del dito: Premendo la carne con le dita, è possibile valutare la consistenza della carne e capire se è cotta al punto giusto. Se la carne è morbida al tatto, è ancora cruda. Se è molto dura, è troppo cotta. Se invece la carne è elastica e si riprende subito dopo la pressione, è cotta al punto giusto.
Leggi anche  Costolette di agnello marinate in padella

Quanto deve essere cotta la carne

La cottura della carne è un aspetto cruciale per ottenere un piatto gustoso e sicuro da mangiare. Ecco alcuni consigli per capire quanto deve essere cotta la carne:

  • La temperatura interna della carne deve essere di almeno 63°C per garantire la sicurezza alimentare.
  • La cottura dipende dal taglio e dalla grandezza della carne, ma di solito una cottura media è il giusto compromesso tra sapore e sicurezza.
  • Per controllare la temperatura interna della carne, è consigliabile utilizzare un termometro da cucina inserito nella parte più spessa della carne.
  • Ricordate di far riposare la carne per qualche minuto prima di tagliarla, in modo che i succhi si distribuiscano uniformemente e la carne risulti più tenera.

Cos’è il controfiletto di manzo: caratteristiche e utilizzo in cucina

Il controfiletto di manzo è uno dei tagli più pregiati della carne bovina. Di seguito sono riportate le caratteristiche e gli utilizzi in cucina di questo taglio:

Caratteristiche:

  • Proviene dalla parte posteriore della lombata del bovino
  • È una carne molto tenera e succosa
  • Ha una consistenza compatta e una grana fine
  • Ha un sapore intenso e caratteristico
  • È ideale per la cottura alla griglia o alla piastra

Utilizzo in cucina:

  • È perfetto per preparare i famosi filetto alla Wellington
  • È ideale per grigliate e bistecche alla piastra
  • Può essere utilizzato per preparare arrosti o spezzatini
  • È ottimo anche crudo, ad esempio tagliato a carpaccio